Il Documento di Valutazione dei rischi è un elaborato molto importante per ogni impresa. Obbligatorio per legge (D. Lgs. 81 del 9 aprile 2008 e il D. Lgs. 106 del 3 agosto 2009), ha come obiettivo quello di individuare in via preventiva  tutti i potenziali rischi presenti in azienda che possono causare danni alla salute o minacciare la sicurezza dei lavoratori.
dvr
Ma come riconoscere se un DVR è ben redatto e a prova di ispezione? Capita a volte che ci si ritrovi ad avere dei DVR che non sono stati redatti o compilati a dovere, con molte omissioni e imprecisioni che possono poi divenire oggetto di contestazione da parte dell’ASL.

Studio Bianchini vi rivela quindi tre caratteristiche che fanno di un DVR un documento completo e corretto sotto ogni punto di vista.

PERSONALIZZAZIONE

E’ bene includere sempre la planimetria dell’azienda e numerose fotografie degli ambienti di lavoro supportate da una descrizione degli stessi. Questo fa sì che il documento non risulti impersonale e troppo carente di informazioni. Molti infatti si affidano a software e schede precompilate che, sebbene siano di facile comprensione e facciano risparmiare tempo, spesso risultano incompleti e non redatti su misura della propria attività.

COMPLETEZZA

Il DVR deve essere il più completo possibile, soprattutto nell’analisi dei potenziali rischi legati alle mansioni. In questo senso è bene ricordarsi di individuare ogni funzione presente nell’impresa e per ciascuna effettuare una valutazione di ogni singolo rischio potenzialmente presente, anche se apparentemente blando o irrilevante.  Per esempio nel settore del terziario è spesso sottovalutato il rischio da esposizione a rumore in situazioni di open space o call center, che incidono sul benessere dell’ambiente di lavoro.

MIGLIORAMENTO

Nel DVR deve essere presente SEMPRE un programma di miglioramento: a partire dall’elenco dei potenziali rischi individuati, devono essere associate delle soluzioni e le tempistiche per metterle in atto. Per esempio se si scopre che è presente dell’amianto sul tetto della struttura, è necessario effettuare immediatamente una perizia dello stato di degrado dello stesso cui deve seguire un azione immediata da parte dell’impresa in base agli esiti dell’analisi.

Vuoi maggiori informazioni? Ti serve un preventivo per la tua attività/azienda? Scrivi a:

emanuele@studiobianchini.com

federico@studiobianchini.com

Oppure chiamaci allo 02/49450946